Impugnabile la cartella di Equitalia notificata tramite PEC

In seguito ad un ricorso espresso da un contribuente, La Commissione Tributaria di Grosseto ha decretato impugnabile la notifica della cartella di Equitalia trasmessa tramite PEC (Posta Elettronica Certificata), accogliendo quindi il ricorso stesso.

Questo è stato possibile perché la trasmissione della notifica è stata dichiarata non valida, in quanto non corrispondente all’originale cartella esattoriale prodotta in giudizio di fronte al giudice, e quindi la pretesa della riscossione caduta. Il motivo risiede nel fatto che Equitalia avrebbe depositato in giudizio solamente la copia cartacea della ricevuta di lettura avvenuta tramite email, la quale avrebbe dovuto testimoniare implicitamente l’avvenuta trasmissione via PEC. Ciò che ha stabilito la Commissione Tributaria, invece, è che reale prova è costituita dalla dimostrazione che i due messaggi (digitale e cartaceo) corrispondano alla lettera, poiché è sempre possibile falsificare la stampa, a cui andrebbero aggiunte le notifiche di consegna e di accettazione dell’email, benché validamente riconosciute. Questo infatti sarebbe l’unico modo per impedire al contribuente di mettere in dubbio la validità della notifica rendendola, così, nulla.

L’agente della riscossione ha quindi l’obbligo di, nel caso di stampa del messaggio email, controllare che corrisponda con la versione digitale e che la corrispondenza venga sancita da un Pubblico Ufficiale, come stabilisce l’ex art. 9 comma 1bis L. 53/1994. Altrimenti sarebbe altamente consigliabile lavorare direttamente sulla versione digitale delle ricevute, che ha il vantaggio di essere originale e di riportare sempre in allegato il messaggio inviato.

In entrambi i casi, comunque, la cartella dovrà necessariamente rispettare il modello ministeriale, quindi essere presentata non sotto forma di estratto, bensì nella propria interezza, oltre ad avere un formato uguale per tutte le versioni.

Impugnabile la cartella di Equitalia notificata tramite PECultima modifica: 2015-04-21T16:19:47+00:00da postiglionemar
Reposta per primo quest’articolo