Verbali per ingresso non autorizzato in zona ZTL

Di particolare importanza in quest’ultimo periodo sono i ricorsi relativi ai verbali per il passaggio in zone ZTL (Zona a Traffico Limitato) . Analizzando la questione si possono identificare almeno 4 punti per cui poter presentare ricorso contro queste contravvenzioni e ottenere l’accoglimento dello stesso:

1-      Nel verbale di contravvenzione non si fa riferimento in maniera specifica, come richiesto dal codice della strada, da quale organo provenga l’ordinanza con cui si pone un limite alla circolazione

2-      Il codice prescrive che la contravvenzione rilevata dalle telecamere sia autorizzata dal Prefetto, ma nel verbale della stessa questo elemento non si riscontra.

3-      Si rileva inoltre un vizio di legittimità per eccesso di potere nel fatto che nel verbale redatto in relazione a questa contravvenzione si fa esplicito riferimento all’art. 7 del Codice della Strada il quale, a sua volta, richiama l’art.6 dove si parla di: “regolamentazione della circolazione fuori dei centri abitati”, circostanza che appunto non è pertinente alla città.

4-      Inoltre si può contestare la segnaletica stradale messa ad indicare i luoghi di inizio di ZTL. Questa risulta scarsa, spesso troppo a ridosso della Zona a traffico limitato e caratterizzati da una lista di eccezioni troppo lunga e di difficile consultazione.

Ai fini della redazione del ricorso al giudice competente (giudice di pace o prefetto) contro questo tipo di contravvenzione, si può quindi far riferimento oltre che al codice della strada anche al principio costituzionale di buona amministrazione. Si suggerisce di procedere alla richiesta, in base al c.c., di sopraluogo per verificare la presenza di una complicata cartellonistica posta oltre tutto, troppo a ridosso del varco interessato.

Verbali per ingresso non autorizzato in zona ZTLultima modifica: 2014-06-13T12:06:56+00:00da postiglionemar
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento